L’omessa notifica dell’avviso bonario annulla la cartella?

L’omessa notifica dell’avviso bonario annulla la cartella?

Cosa può fare il contribuente che non riceve la comunicazione di irregolarità prima che il carico sia riscosso mediante cartella.

Può accadere che il contribuente si veda recapitare una cartella di pagamento relativo a tributi non versati in seguito a liquidazione e dichiarazione dei medesimi, senza che allo stesso sia stato inviato o notificato, in via preliminare, un invito a regolarizzare spontaneamente la propria posizione; stiamo parlando del cd. avviso bonario.

Si tenga presente che in questa fase amministrativa, il credito erariale non è ancora iscritto a ruolo, né affidato all’agente della Riscossione, con significative ricadute sul piano sanzionatorio (le sanzioni applicate con l’avviso bonario sono pari al 10% dell’imposta non versata, importo che sale al 30% del ruolo con la cartella di pagamento).

La mancata notifica dell’esito dei controlli automatizzati delle dichiarazioni, sebbene limiti la facoltà del contribuente di conoscere la reale pretesa impositiva, non annulla la cartella.

È questo infatti l’orientamento della Corte di Cassazione, ribadito con l’ordinanza n. 27716 del 21/11/2017 ed ancor più recentemente con la n. 1791 del 23 gennaio 2019.

Per i giudici di legittimità, lo Statuto del Contribuente non impone un obbligo generalizzato di contraddittorio preventivo rispetto all’iscrizione a ruolo. Ma, lo rende necessario solamente “qualora sussistano incertezze su aspetti rilevanti della dichiarazione”; fattispecie che non ricorre nei casi di controlli disciplinati dagli artt. 36 bis e 36 ter D.P.R. 600/1973 in tema di imposte dirette e 54 bis D.P.R. 633/1972 in tema di imposta sul valore aggiunto (IVA), in quanto il contribuente conosce i dati da lui stesso indicati in dichiarazione, senza che venga perciò dato adito a qualsivoglia incertezza o margine interpretativo di sorta.

Continua poi l’ordinanza n. 27716, affermando che “l’omessa comunicazione dell’invito al pagamento prima dell’iscrizione a ruolo […] non determina la nullità di tale iscrizione e degli atti successivi, ma una mera irregolarità, inidonea ad incidere sull’efficacia dell’atto, sia perché non si tratta di una condizione di validità, stante la mancata espressa sanzione della nullità […]”, sia perché è possibile, per il contribuente che dimostri la reale mancata notifica, richiedere il pagamento delle sanzioni in misura ridotta anche successivamente alla cartella ed in assenza di avviso bonario.

Cosa succede nel caso di mancato ritiro dell’avviso bonario

Casistica diversa è invece l’avvenuta compiuta giacenza dell’avviso bonario, ossia il mancato ritiro del piego entro 10 giorni dalla notifica dall’avviso di deposito presso gli uffici postali; in tal caso la notifica si ritiene perfezionata, pur non avendo il destinatario avuto conoscenza effettiva del contenuto, senza possibilità di alcuno sgravio sanzionatorio per il contribuente.

________________________________________

Dott. Marco Martinenghi
Collaboratore

nexus

www.nexus-stp.it

Condividi