Fringe benefit autovettura: novità Legge di Bilancio 2020

Fringe benefit autovettura: novità Legge di Bilancio 2020

Il nostro legislatore ha introdotto importanti novità in tema di tassazione delle autovetture concesse ad uso promiscuo ai propri dipendenti, in un’ottica di incentivazione all’utilizzo di auto green.

È bene cominciare con la definizione di fringe benefit autovettura

Il fringe benefit è una forma di retribuzione in natura; viene così concesso al dipendente l’utilizzo di un auto aziendale sia per uso lavorativo che per uso personale.

Così come previsto dall’art. 51 c. 4 lett. a) del Tuir, gli autoveicoli concessi ad uso promiscuo generano in capo al dipendente un fringe benefit pari al 30% dell’importo corrispondente ad una percorrenza convenzionale di 15 mila chilometri calcolato sulla base del costo chilometrico di esercizio desumibile dalle tabelle nazionali che l’Automobile club d’Italia deve elaborare entro il 30 novembre di ciascun anno e comunicare al Ministero delle finanze che provvede alla pubblicazione entro il 31 dicembre, con effetto dal periodo d’imposta successivo.

Il valore fornito dal sito Aci è determinato su base annua; nel caso in cui l’autovettura venga concessa per un periodo inferiore all’anno, sarà necessario riparametrare tale importo in relazione all’effettivo periodo di assegnazione.

La legge di bilancio 2020 (L. 160/2019) all’art. 1 c.632 e 633 detta nuove regole in materia di tassazione con decorrenza 01 luglio 2020

In particolare, il comma 632 stabilisce la percentuale da applicare alla percorrenza convenzionale calcolata sulla base del costo chilometrico Aci) in relazione alle emissioni di CO2 dell’autoveicolo di nuova immatricolazione:

  • 25% per i veicoli con valori di emissione di CO2 fino a 60 g/km
  • 30% per i veicoli con valori di emissione di CO2 superiori a 60 g/km ma inferiori a 160 g/km
  • 40% per i veicoli con valori di emissione di CO2 superiori a 160 g/km ma inferiori a 190 g/km. Dal 2021 tale percentuale sarà elevata al 50%
  • 50% per i veicoli con valori di emissione di CO2 superiore a 190 g/km. Dal 2021 tale percentuale sarà elevata al 60%.

In fase di determinazione dell’importo del fringe benefit sarà di fondamentale importanza avere a disposizione il libretto di circolazione (e anche un manuale ad hoc per la comprensione delle emissioni di anidride carbonica!!!).

Si precisa che tale nuova disciplina verrà applicata con decorrenza 01 luglio 2020 solo per le auto di nuova immatricolazione; per le concessioni intervenute in data anteriore continuerà ad applicarsi quanto previsto attualmente dal Tuir art. 51 c. 4 lett. a), così come previsto dal comma 633 della Legge di bilancio.

Dott.ssa Elena Zeni

Elena-Zeni

Consulente del Lavoro

www.nexus-stp.it

 

 

Condividi