DECRETO RISTORI: alcune importanti novità

DECRETO RISTORI: alcune importanti novità

Con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale sono entrate in vigore dal 29.10.2020 le nuove disposizioni previste dal Decreto Ristori; in particolare si segnalano alcune importanti novità:

1. Bonus canoni locazione

Tale bonus è esteso anche ai mesi di ottobre, novembre e dicembre, a favore di quei soggetti che operano nei settori economici oggetto delle limitazioni previste dal DPCM 24.10.2020.

Si segnala che per poter accedere a tale agevolazione deve sussistere una riduzione del fatturato/corrispettivi pari ad almeno il 50% dei mesi di ottobre, novembre e dicembre rispetto agli stessi mesi del 2019.

Si sottolinea inoltre che il credito spetta nella misura del:

  • 60% del canone di locazione di immobili ad uso non abitativo;
  • 30% del canone per affitto d’azienda.

2. Cancellazione seconda rata IMU

Non è dovuta la seconda rata IMU 2020, con riferimento agli immobili e/o pertinenze in cui sono esercitate le attività nei settori economici oggetto delle limitazioni previste dal DPCM 24.10.2020.

L’abolizione della seconda rata è possibile a condizione che i relativi proprietari siano anche i gestori delle attività esercitate.

È comunque applicabile quanto previsto dal Decreto Agosto, in base al quale non è dovuta la seconda rata IMU 2020 con riferimento agli immobili:

  • adibiti a stabilimenti balneari marittimi, lacuali e fluviali, nonché agli immobili degli stabilimenti termali;
  • rientranti nella categoria catastale D/2 e relative pertinenze e degli agriturismo / villaggi turistici / ostelli della gioventù / rifugi di montagna / colonie marine e montane / affittacamere per brevi soggiorni / case e appartamenti per vacanze / Bed & Breakfast / residence e campeggi, a condizione che i relativi proprietari siano anche gestori delle attività ivi esercitate.

3. Proroga mod. 770/2020

È differito al 10.12.2020 il termine di presentazione del mod. 770/2020.

4. Sospensione versamenti contributi previdenziali e assistenziali

Per i datori di lavoro che operano nei settori interessati dalle limitazioni previste dal DPCM 24.10.2020, che esercitano come attività prevalente un’attività oggetto delle limitazioni suddette, è disposta la sospensione dei termini che scadono per il mese di novembre 2020 (16.12.2020) in relazione ai versamenti dei contributi previdenziali e assistenziali/premi per l’assicurazione obbligatoria (INAIL).

Ne consegue che tali versamenti dovranno essere effettuati senza sanzioni e interessi in unica soluzione entro il 16.03.2021, ovvero in forma rateizzata, fino ad un massimo di 4 rate mensili di pari importo; la prima rata scade il 16.03.2021.

Si segnala che il mancato pagamento di 2 rate anche non consecutive, determina la decadenza del beneficio della rateazione.

Dott.ssa Sara Serena 

nexus

www.nexus-stp.it

Condividi