In vacanza con il bonus

In vacanza con il bonus

Dal 1° luglio al 31 dicembre 2020 è possibile richiedere la “tax credit vacanze” introdotta dal Decreto Rilancio per sostenere il settore turistico italiano attraverso la concessione di uno sconto sulle nostre vacanze, così suddiviso:

  •  80% di sconto sul corrispettivo dovuto per il servizio turistico
  • 20% in detrazione nella dichiarazione dei redditi del prossimo anno

Tali percentuali vanno applicate al valore massimo dell’agevolazione spettante o al corrispettivo del soggiorno se inferiore all’importo dell’agevolazione fruibile.

Chi può richiedere il bonus vacanze

Un solo componente per nucleo familiare con ISEE non superiore a 40.000 €, intendendosi per nucleo familiare “un insieme di persone legate da vincoli di matrimonio, unione civile, parentela, affinità, adozione, tutela o vincoli affettivi, coabitanti ed aventi dimora abituale nello stesso comune”.

Dove

Il bonus può essere utilizzato per pagare servizi offerti in ambito nazionale da imprese turistiche ricettive (alberghi, resort, pensioni, villaggi turistici, ostelli della gioventù, ecc.), agriturismi, bed & breakfast.

Quanto

  • 500 € – Nuclei composti da più di 2 persone
  • 300 € – Nuclei di 2 persone
  • 150 € – Nuclei di 1 persona

Requisiti per il bonus vacanze

  • Le spese devono essere sostenute in un’unica soluzione e in relazione ai servizi resi da una singola struttura ricettiva.
  • Almeno un giorno del soggiorno deve ricadere nel periodo 1/7/2020 – 31/12/2020.
  • Il totale del corrispettivo deve essere documentato da fattura elettronica o documento commerciale dove indicare il codice fiscale del soggetto fruitore del credito. Basterà una fattura/documento commerciale/scontrino/ricevuta fiscale cartacea nel caso in cui il soggetto non sia obbligato all’emissione della fattura elettronica (es. forfetari).
  •  Il pagamento deve avvenire “senza” l’intervento di piattaforme o portali telematici diversi da agenzie di viaggio e tour operator

Step di accesso al bonus vacanze

  1. Disporre dell’attestazione ISEE valida
  2. Disporre di un’identità SPID o di Carta d’identità elettronica
  3. Scaricare sullo smartphone l’app “IO” gestita da PagoPA
  4. PagoPA verifica la presenza dei requisiti e trasmette al soggetto richiedente l’esito.
  5. Se positivo, PagoPA invia all’Agenzia delle Entrate il codice univoco/QR-code, l’importo spettante ed il codice fiscale dei componenti il nucleo familiare.
  6. L’Agenzia confermerà poi attraverso l’app IO il riconoscimento del bonus, comunicando oltre ai codici da utilizzare (alternativamente) per fruire dello sconto, anche l’importo esatto spettante già suddiviso in sconto e detrazione fruibili.

…e i fornitori?

Il fornitore ha la facoltà di accettare o meno il pagamento del soggiorno con l’utilizzo del bonus vacanze. Per riconoscere ai clienti lo sconto richiesto dovrà utilizzare l’apposita procedura web disponibile nell’area riservata del sito dell’Agenzia per:

  • Comunicare il codice univoco/QR-code fornito dal beneficiario, il codice fiscale dell’intestatario della fattura e l’importo del corrispettivo
  • Dichiarare di essere un’impresa turistica ricettiva, agriturismo o b&b
  • Verificare la validità del bonus e l’importo dello sconto da applicare
  • Confermarne l’applicazione

Al momento del pagamento dovrà indicare in fattura il codice fiscale del richiedente e fruitore del bonus, il prezzo complessivo (al lordo dello sconto) e poi lo sconto applicato (che andrà a ridurre il totale dovuto e non la base imponibile IVA).

Dal giorno lavorativo successivo potrà recuperare lo sconto applicato sotto forma di credito d’imposta in compensazione tramite modello F24 con il codice tributo 6915. O, in alternativa, cedere anche parzialmente a terzi il credito ed in questo caso comunicarlo all’Agenzia delle Entrate tramite apposita piattaforma.

Non essendo obbligatorio per le imprese turistiche italiane accettare i pagamenti con il bonus vacanze è consigliabile verificare con anticipo le strutture aderenti.

Per approfondire…

DL Rilancio n. 34/2020, Art. 176
Provvedimento Agenzia Entrate del 17/06/2020
Circolare Agenzia Entrate n. 18/E del 03/07/2020

 

Dr.ssa Monica Tartaglia

nexus

www.nexus-stp.it

 

Condividi