Bonus pubblicità 2020

Bonus pubblicità 2020

Bonus pubblicità 2020: le novità introdotte dal “Decreto Rilancio” e dal “Decreto Agosto”

A seguito dell’emergenza COVID-19, il Legislatore è intervenuto apportando rilevanti modifiche alla disciplina relativa al c.d. Bonus Pubblicità.

In particolare, l’art. 186 del Decreto Rilancio ha:

  • Incrementato l’agevolazione al 50% degli investimenti effettuati;
  • Esteso il beneficio anche agli investimenti effettuati su emittenti televisive / radiofoniche nazionali non partecipate dallo Stato analogiche o digitali.

Parimenti, il Decreto Agosto ha aumentato il tetto di spesa a €85 milioni anziché a €60 milioni.

Soggetti beneficiari (a prescindere dalla forma giuridica/dimensione aziendale/regime contabile/iscrizione ad un Albo professionale):

  • Imprese/enti non commerciali
  • Lavoratori autonomi

Gli investimenti agevolabili per il 2020 concernono l’acquisto di spazi pubblicitari/inserzioni commerciali effettuate tramite:

  • Stampa periodica/quotidiana anche online
  • Emittenti televisive/radiofoniche nazionali non partecipate dallo Stato e locali

Tuttavia, ai fini dell’agevolazione:

  • Le emittenti radiofoniche/televisive locali devono essere iscritte presso il Registro degli operatori di comunicazione;
  • I giornali devono essere iscritti presso il Tribunale/Registro degli operatori di comunicazione ed avere un direttore responsabile.

Si sottolinea che sono ammissibili all’agevolazione anche gli investimenti pubblicitari effettuati sul sito web di un’agenzia di stampa se rispetta le predette condizioni.

Sono invece escluse le spese sostenute per l’acquisto di spazi destinati a:

  • Televendite di beni/servizi di qualsiasi tipo
  • Servizi di pronostici/giochi/scommesse con vincite di denaro
  • Servizi di messaggeria vocale/chat-line con servizi a sovrapprezzo

Tale Credito d’imposta va usato esclusivamente in compensazione nel mod. F24, con il codice tributo 6900, tramite i servizi telematici messi a disposizione dall’Agenzia delle Entrate.

Occorre evidenziare che il bonus in esame è tassato ai fini IRPEF/IRES e IRAP.

Infine, per accedere a tale beneficio per il 2020 occorre che il soggetto interessato presenti:

  • dall’1.9 al 30.9.2020 la comunicazione per l’accesso al credito d’imposta
  • dall’1.1 al 31.01.2021 la dichiarazione sostitutiva relativa agli investimenti effettuati concernente l’effettiva realizzazione degli investimenti indicati nella comunicazione precedentemente presentata.

Leggi anche: Bonus Pubblicità 2020: le novità introdotte dal Decreto Cura Italia

Dott.ssa Sara Serena 

nexus

www.nexus-stp.it

Condividi