Bonus Locazione

Bonus Locazione

Durante il periodo della pandemia, per contrastare gli effetti economici e finanziari determinati dall’emergenza COVID-19, sono state introdotte nuove norme a favore delle imprese come il Bonus Locazione.

Si tratta di un aiuto volto alle attività commerciali che consiste in un credito d’imposta del 60 % del canone di locazione dell’immobile strumentale cedibile al proprietario dell’immobile.

I principali interventi

Il bonus locazioni è stato un incentivo persistente nei diversi decreti che ha subito diverse variazioni ed estensioni.

All’interno del “Decreto Cura Italia” tale agevolazione, in origine denominata “bonus negozi e botteghe”, ha previsto a favore dei commercianti un credito d’imposta pari al 60% del canone di locazione relativo al mese di marzo 2020 con la clausola che l’immobile fosse accatastato con categoria C/1;

Il “Decreto Rilancio” ha previsto l’estensione del “bonus negozi e botteghe” ai mesi di aprile e maggio 2020, rinominandolo “bonus canoni locazione” e abrogando il vincolo della categoria catastale.

È stato introdotto come requisito necessario la riduzione del 50% del fatturato rispetto allo stesso mese 2019 e la platea di tale sostegno è stata ampliata ai lavoratori autonomi e agli enti non commerciali. Tali variazioni hanno interessato anche la mensilità di marzo 2020.

L’Agenzia delle Entrate, con D.L. n.34/2020, ha consentito che i soggetti beneficiari potessero non solo cedere tale credito d’imposta ad altri soggetti, come istituti di credito o intermediari finanziari, ma anche al locatore a titolo di pagamento del canone di locazione, fermo restando la possibilità dell’utilizzo diretto.

Il credito ceduto o compensato in F24 deve essere utilizzato entro il 31.12.2020, diversamente andrà perso senza possibilità di richiesta a rimborso.

La maturazione del bonus locazione avviene solo quando il canone di locazione riferito al mese per il quale spetta il beneficio, risulta effettivamente pagato.

Tuttavia, è possibile cedere il credito al locatore a parziale storno del canone dovuto pagando solo la rimanente parte del canone. In tal caso la cessione del bonus locazione vale come pagamento del canone.

Con il “Decreto Agosto”, il bonus locazioni è stato esteso al canone per la mensilità di giugno.

Il “Decreto Ristori” ha interessato all’agevolazione le mensilità di ottobre / novembre / dicembre 2020, considerando solamente i soggetti rientranti nell’elenco dei codici ATECO della Tabella 1 del DPCM 24.10.2020.

Il “Decreto Ristori Bis” ha esteso l’elenco dei codici ATECO introducendo una seconda tabella integrativa.

La cessione del credito

L’Agenzia delle Entrate ha previsto una procedura telematica, all’intero dell’area riservata sul sito dell’Ade, per la comunicazione della cessione del credito che può essere inviata anche avvalendosi di un intermediario abilitato.

Oltre ai dati del cedente, o rappresentante legale, dovrà essere indicata la tipologia del credito e l’ammontare essendo possibile anche cedere solo una parte del credito d’imposta maturato.

Dott.ssa Alessandra Zani

Area contabile e fiscale – Cremona

alessandra-zani-nexus

www.nexus-stp.it

Condividi